Mar22052018

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back NOTIZIE EDITORIALI

Editoriali

NE' TOTEM, NE' TABU'

  • PDF

equilibriodi Roberto Di Vincenzo

Non c’è dubbio che i numerosi motivi di una diffusa criticità, non raramente drammatica, che negli ultimi anni ha investito la Categoria nel suo complesso e molti tra i Gestori in particolare, richiedano un supplemento di riflessione anche delle organizzazioni sindacali, nel tentativo di ricostruire una piena capacità di dare risposte immediate senza perdere di vista la necessaria preparazione delle condizioni di una prospettiva futura.

COSA MANCA AL MERCATO DEI CARBURANTI PER ESSERE REGOLATO E TUTELATO COME GAS ED ENERGIA ELETTRICA?

  • PDF

cannocchialedi Roberto Di Vincenzo

Si può essere e rimanere “ideologicamente” orientati come meglio si crede; si può ispirarsi alle più alte ed autorevoli teorie macroeconomiche, ma onestamente appare davvero molto ardito poter sostenere che la sbornia della lunga stagione delle parole -mercato, liberalizzazione, concorrenza, competitività ovvero, sotto altro ma convergente profilo, modernizzazione, innovazione, selfizzazione, automazione- abbattutesi come manganelli sia sui “concetti” stessi che avrebbero dovuto interpretare che sulla carne delle persone (gestori certo, ma anche migliaia di dipendenti delle aziende), abbiano restituito al sistema della distribuzione carburanti ed al nostro Paese un Mercato anche meno che sano ma almeno degno di questo nome.

DAL CONFRONTO CON IL VERTICE DI ENI, UNA CONFERMA DECISIVA PER IL SALTO DI QUALITA’

  • PDF

salvatore sardodi Roberto Di Vincenzo

A volte, capita che le conferme di un contesto esistente, anzichè apparire come un lezioso immobilismo, appaiano davvero essenziali per determinare un salto di qualità al percorso già avviato.

Così come, a volte può capitare che il confronto che si realizza attraverso il rituale di un incontro, invece di dare il senso stucchevole di una vuoto esercizio retorico, riesca davvero a tramutarsi in reciproco ascolto e preparazione dell’agire.

E’ questo il caso -a nostro avviso- dell’appuntamento della scorsa settimana che ha riunito le delegazioni delle organizzazioni di categoria dei gestori ed il vertice della divisione commerciale eni, significativamente guidato per la prima volta e in prima persona dal capo della Divisone operativa di eni, Salvatore Sardo.

LE REGOLE DEL MERCATO CONTRAPPOSTE AL MERCATO DELLE REGOLE

  • PDF

legalita competizionedi Roberto Di Vincenzo

Troppo spesso, nel lessico comune, del sostantivo "mercato" viene fatto un uso disinvolto senza fare troppo caso alle differenti accezioni che pure mutano profondamente il senso del ragionamento.

Se in un senso più concreto e generale il Mercato (con la maiuscola) indica il luogo fisico dove avvengono le contrattazioni per la vendita e l’acquisto di determinati prodotti, in un senso più astratto il mercato (con la minuscola) è l’insieme delle operazioni relative a un determinato bene.

DALLA LOGICA IL SOCCORSO PER UN SETTORE SENZA PIU' IDENTITA' E IN PREDA AI FANTASMI DELL'IMPROVVISAZIONE

  • PDF

logicadi Roberto Di Vincenzo

La logica è lo studio del ragionamento, è il metodo dell'analisi e dell'argomentazione eseguita non (solo) per distinguere ciò che è vero da ciò che è falso (bello/brutto) ma per approfondire, con un sistema di indagine, i dubbi e ricercare soluzioni che possano aiutarci a superare ogni riserva ed affrontare risolutivamente le domanda che via, via, ci poniamo nel corso della nostra vita e delle nostre attività.

10 DOMANDE ALL'ANTITRUST

  • PDF

domandadi Roberto Di Vincenzo

Se davvero i "Pretori", cioè gli uomini che devono amministrare la Legge, applicassero il buon senso, non ci troveremmo di fronte ai continui interventi cui l'AGCM ha abituato il nostro settore.

L'Antitrust sembra che abbia al centro del mirino tutti i più piccoli e remoti fatti che avvengono nella distribuzione carburanti: dagli orari ai turni; dai ghost ai contratti; dalla contrattazione alla pubblicizzazione dei prezzi; dall'offerta dei prodotti alle regole per autorizzare nuovi impianti.

IL SETTORE TRA IMMOBILISMO E RIFORMA, TRA SFASCIO E RICOSTRUZIONE, TRA FURBIZIE E RESPONSABILITA’. E’ TEMPO DI SCEGLIERE DA CHE PARTE STARE.

  • PDF

equilibriodi Roberto Di Vincenzo

Che la situazione del nostro settore sia disastrosa è affermare l'ovvio.

Per dare corpo ai tanti fantasmi che circolano è sufficiente mettere in fila, di seguito, una serie di elementi di fatto che, esaminati separatamente, potrebbero apparire in una certa misura sostenibili, ma che, sommati fra loro, danno la cifra della tragedia in divenire.

IL VERO FRENO ALLO SVILUPPO ED ALLA CONCORRENZA NEL SETTORE SI CHIAMA ANTITRUST

  • PDF

ostacolodi Roberto Di Vincenzo

Nel nostro settore, strano a dirsi, quando si parla di Antitrust, invece di concorrenza, si evocano scenari di assoluta incertezza, se non, in alcuni casi, di timor panico.

Quando un soggetto intende assumere una iniziativa, raggiungere un accordo, decidere una politica commerciale non riesce a ritenere se il suo legittimo diritto all'autonomia imprenditoriale rientri nei confini delle norme che regolano concorrenza e mercato.

IL SETTORE CONTINUA AD AVERE BLOCCATA OGNI POSSIBILITA’ DI SVILUPPO. E LA CONFUSIONE ISTITUZIONALE SUL RUOLO DELL’AUTORITA’ NON AIUTA

  • PDF

montesquieu-el-espiritu-de-las-leyesdi Roberto Di Vincenzo

In uno Stato di Diritto la tripartizione dei Poteri è chiara e distinta: al potere Legislativo è rimesso il compito di "fare" le Leggi; a quello Esecutivo quello di applicarle (e farle applicare); a quello Giudiziario quello di controllare che le Leggi siano rispettate.

A questo schema elementare -ma funzionale alle regole della Democrazia- nel corso degli anni si sono sovrapposte "Commissioni" ed "Autorità" che dovrebbero vigilare sul corretto andamento dei più disparati aspetti della vita economica e sociale del Paese.

LA SCOMPARSA DI PASQUALE DE VITA. IL RICORDO DI ROBERTO DI VINCENZO

  • PDF

pasquale de vitaParlare di un uomo come Pasquale De Vita é facile e lo si può fare in tanti modi.

Quello che é difficile è non cadere nella retorica.

Di De Vita conservo molti ricordi (e molti aneddoti) che si snodano lungo oltre 35 anni di lavoro nello stesso settore, sulle sponde opposte di quel fiume lungo il quale scorrono i destini degli uomini.

Ci siamo affrontati, tante volte, da fieri avversari ma sempre con rispetto, cercando di non prevaricare e di capire le ragioni dell'altro.

"STATI GENERALI": BASTA PROMESSE E IMPEGNI. ORA RISPOSTE ALL'EMERGENZA

  • PDF

foto sala3Non sono più sufficienti inviti, impegni e promesse: senza risposte concrete e immediate all'emergenza economica e finanziaria che stringe al collo migliaia di gestori non c'è spazio per qualunque tipo di intesa.

E' questo il "messaggio" più esplicito e determinato presentato al settore e al Governo dall'Assemblea nazionale congiunta dei gruppi dirigenti di Faib, Fegica e Figisc, tenuta ieri, 21 novembre.

Quello che, ancora qualche settimana fa, aveva consentito alla categoria di "fare una apertura di credito" e valorizzare affermazioni che sembravano preludere ad una riapertura in extremis del dialogo e della contrattazione, oggi appare ormai largamente insufficiente, lontano e superato dai fatti.

IL POTERE DELLA PAURA

  • PDF

rdv2Pubblichiamo il testo integrale della Relazione del Presidente, Roberto Di Vincenzo, introduttiva dei temi che saranno messi in discussione in occasione dell'Esecutivo Nazionale della Fegica, già convocato per il prossimo 26 settembre.


Il momento storico che la nostra Categoria sta vivendo è sostanzialmente caratterizzato dalla paura.

Paura del domani, dell'incognito, dello strapotere delle compagnie petrolifere che sembrano poter disporre, a loro piacimento, del futuro di ciascun Gestore.

Quel potere assoluto fatto di "ricatti commerciali", di contratti che scadono, di improbabili clausole di recesso, di precarietà, di incertezza di un futuro che, quand'anche carico di incognite, sembra però lasciare in vita uno "straccio di speranza". E, come la mitologia ci ha raccontato, fu proprio la speranza a rimanere nel fondo del vaso di Pandora, dopo che tutti i "mali" furono fuggiti per invadere il mondo.

IL PESSIMISMO DELLA RAGIONE E L'OTTIMISMO DELLA VOLONTA'

  • PDF

altan pessimismo 01di Roberto Di Vincenzo

Forse non tutti hanno ancora compreso che, questa volta, la discussione che vede opposta la Categoria dei Gestori alle compagnie petrolifere non potrebbe dirsi esaurita neanche con un aumento “salvifico” dei margini e neppure con una ripresa delle trattative, purchè sia.

In ballo c’è qualcosa di più. Molto di più.

CODACONS DENUNCIA FAIB E FEGICA

  • PDF

sorrisoI consumatori italiani si beccano, negli ultimi due anni, un filotto di aumenti di prezzi dei carburanti senza precedenti, con accise statali e margini industriali dei petrolieri che non conoscono crisi.

Poi qualche compagnia petrolifera si spende una piccola parte del denaro che fino a qualche minuto prima negava di intascarsi, ma lo fa licenziando, espellendo e mettendo in cassa integrazione decine di migliaia di persone e, per di più, costringendo a file interminabili gli automobilisti con taniche e bottiglie al seguito, per rifornirsi alla macchinetta pre-pay, solo in certi giorni e a certe ore.

E il Codacons che fa? Denuncia all'Antitrust i benzinai.

MALEDETTI SIGNORI UFFICIALI, VENDITORI DI NOI CARNE UMANA

  • PDF

soldati guerra mondiale

di Roberto Di Vincenzo

Questo è uno di quei momenti in cui bisogna avere il coraggio di dire, con chiarezza, come stanno le cose.

Non basta “acconciarsi” e far finta che ciò che accade intorno a noi possa scivolarci addosso senza lasciare traccia.

L’iniziativa assunta da eni con lo “scontone” è la sublimazione del malessere e del disimpegno che l’industria petrolifera ha manifestato nel corso di questi anni.

Ma anche del disinteresse delle Istituzioni, dei Sindacati e della Politica che, ciascuno a suo modo, hanno scelto di tenere un profilo bassissimo e hanno preferito concentrare la loro attenzione sull’effetto comunicazionale del “prezzo” -sempre sotto i riflettori dei media- piuttosto che interrogarsi sull’involuzione del settore come frutto anche e soprattutto della loro inerzia.

Il futuro è arrivato. Improvviso, dirompente, devastante.

SIAMO IN RETE

  • PDF

siamo retedi Roberto Di Vincenzo

Con un certo ritardo, ma abbiamo finalmente dato risposta ad una esigenza che ormai sentivamo impellente.

Rinnovare il sito web della Fegica non ha un valore meramente "grafico", malgrado in quest'epoca non sia elemento da poter trascurare.

E nemmeno ci ha spinto la tentazione di "liofilizzare il messaggio" con lo strumento del blog, tanto in voga di questi tempi.

Era divenuta ormai forte la necessita' di immettere nel "mercato delle idee", che la rete ormai incarna, anche la nostra offerta.

IL GIUDICE E’ TERZO?

  • PDF

bilanciaRIFLESSIONI SULLE ESTERNAZIONI DEL DOTTOR NOCE (AGCM)

pubblicato su

CD FLASH n.2012-08 del 11.6.12

di Roberto Di Vincenzo

Appare un po’ strano che quando il settore comincia a “parlarsi” ed a trovare, da solo, la strada per immaginare “nuovi equilibri”, si trovi sempre di fronte a degli “alto lá!”.

C’é modo e modo per porre le questioni: uno piú immediato, che lascia poco spazio ai bizantinismi lessicali, ed un altro che utilizza le giravolte come fosse l’aria di un minuetto di Boccherini.

SU H24 RIMANE IL NO!

  • PDF

cd flash330 228

TIMIDE APERTURE DI ENI MA SERVONO CAMBIAMENTI SOSTANZIALI

pubblicato su

CD FLASH n.2012-07 del 4.6.12

di Roberto Di Vincenzo

Non era certo fra il novero delle posizioni possibile che Eni avviasse la riunione aprendo alla possibilitá di riconsiderare la sua politica commerciale su Iperself h24.

50 euro

50 europistola 153x145
Li dai al benzinaio. Ma a chi gonfiano le tasche?

Platts

plattssp 153x145
Cosa si nasconde dietro la quotazione internazionale

Mercato

catenefarfalla 153x145
Tante liberalizzazioni nessuna liberalizzazione

Selfizzazione

self1
Mettono il self service e lo chiamano progresso

Pompe bianche

pompa bianca 153x145
Il segreto? Comprano in extrarete e senza esclusiva