Dom22102017

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back NOTIZIE REDAZIONE

Redazione

COORDINAMENTO NAZIONALE UNITARIO. LA MOZIONE CONCLUSIVA DEI GRUPPI DIRIGENTI

  • PDF

faib fegica figiscAl termine di un ciclo di incontri dei gruppi dirigenti di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, è stata approvata una articolata mozione conclusiva che, di seguito, pubblichiamo integralmente.


DOCUMENTO UNITARIO DELLE PRESIDENZE/SEGRETERIE - Roma, Marzo 2017

Si sono riunite a Roma, le Presidenze e le Segreterie Nazionali di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio per approfondire alcuni temi già esaminati nel corso della riunione dei gruppi dirigenti del dicembre 2016 e gennaio 2017 con l'intento di offrire alla struttura tutta ed alla riflessione del settore, ulteriori elementi di dibattito e di approfondimento.

CIPREG: POCO MENO DEL 2,8% IL RENDIMENTO PER IL 2016

  • PDF

cipreg02

Il pool delle compagnie assicuratrici incaricate di investire gli accantonamenti di fine gestione per i gestori iscritti al Cipreg ha comunicato che il rendimento per l'anno 2016 dei versamenti è stato di poco inferiore al 2,8% medio.

Come é sempre avvenuto in passato, anche quest'anno la gestione del Cipreg ha assicurato ai gestori aderenti un rendimento significativamente superiore (circa 40 volte!) a quello garantito dai BOT a 12 mesi (ma anche dei BTP a 10 anni, tanto per fare solo un altro esempio), vale a dire l'interesse riconosciuto ai gestori non iscritti al Cipreg che lasciano presso le compagnie petrolifere i loro accantonamenti.

La rilevazione ufficiale effettuata dal Ministero dell'economia fissa per l'anno passato un rendimento medio ponderato dei BOT a 12 mesi persino inferiore allo zero.

Per l'esattezza -0,14%.

Di seguito pubblichiamo la tabella dei rendimenti ottenuti dal 1996 in avanti.

CIPREG: OLTRE 2,8% IL RENDIMENTO PER IL 2015

  • PDF

cipreg02

Il pool delle compagnie assicuratrici incaricate di investire gli accantonamenti di fine gestione per i gestori iscritti al Cipreg ha comunicato che il rendimento per l'anno 2015 dei versamenti è stato di oltre il 2,8% medio.

Come é sempre avvenuto in passato, anche quest'anno la gestione del Cipreg ha assicurato ai gestori aderenti un rendimento significativamente superiore (circa 40 volte!) a quello garantito dai BOT a 12 mesi (ma anche dei BTP a 10 anni, tanto per fare solo un altro esempio), vale a dire l'interesse riconosciuto ai gestori non iscritti al Cipreg che lasciano presso le compagnie petrolifere i loro accantonamenti.

La rilevazione ufficiale effettuata dal Ministero dell'economia fissa per l'anno passato un rendimento medio ponderato dei BOT a 12 mesi pari allo 0,072%.

Di seguito pubblichiamo la tabella dei rendimenti ottenuti dal 1996 in avanti.

VERTENZA AUTOSTRADE. IL TAR ORDINA AL MIT DI DEPOSITARE I PIANI DI RISTRUTTURAZIONE ENTRO 30 GIORNI E RINVIA AL 15 LUGLIO LA DECISIONE SULLA SOSPENSIVA

  • PDF

tar lazioLa terza sezione del TAR del Lazio, riunita ieri in camera di consiglio per esaminare l'istanza cautelare presentata dalle Organizzazioni di categoria dei gestori - Faib, Fegica ed Anisa - volta ad annullare l'Atto di indirizzo ministeriale del 29.01.2015 avente ad oggetto "Individuazione dei criteri per l'elaborazione di un piano di ristrutturazione della rete delle aree di servizio sui sedimi autostradali", ha fissato il termine di 30 giorni perché il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti depositi i Piani di razionalizzazione ricevuti dalle società concessionarie autostradali.

VERTENZA AUTOSTRADE. LA "POSIZIONE" DEI GESTORI IN UNA COMUNICAZIONE CONGIUNTA AL NEO MINISTRO DELRIO E ALLA GUIDI

  • PDF

graziano delrioLe Organizzazioni di categoria dei Gestori delle aree di servizio autostradali - Faib, Fegica ed Anisa - hanno inviato nella giornata di oggi una nuova comunicazione al Governo ed in particolare al Ministro Graziano Delrio, da poco alle Infrastrutture e Trasporti, ed al Ministro dello sviluppo economico, Federica Guidi.

In allegato alla comunicazione congiunta, le tre Federazioni precisano la posizione sindacale all'interno di un documento politico che, di seguito, pubblichiamo integralmente.

Intanto, la riunione al Mise prevista per domani 14 aprile é stata rinviata "a data da destinarsi", a causa della nomina a Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dell'ex Viceministro allo sviluppo economico, De Vincenti.

LA MOZIONE CONCLUSIVA ED IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO APPROVATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE

  • PDF

scriverefegPubblichiamo, di seguito, la Mozione conclusiva approvata al termine dei lavori del Consiglio Nazionale della Fegica, tenuto a Roma lo scorso 21 gennaio, e a seguire il testo del Documento politico-programmatico, alla stessa mozione allegato.

CONVOCATO IL CONSIGLIO NAZIONALE FEGICA IL 21 GENNAIO. DI VINCENZO E TIMPANI: SCELTE NON PIU' RINVIABILI.

  • PDF

fegica cisl 500x360 330 228Con una comunicazione di fine anno rivolta a tutti i suoi componenti, il Presidente ed il Segretario Generale hanno convocato il Consiglio Nazionale Fegica per il giorno 21 gennaio prossimo, presso la sede di Roma.

Di seguito, pubblichiamo integralmente la lettera di convocazione.

CATRICALA' SI "FUMA" L'ANTITRUST. IL CONSIGLIO DI STATO RIAPRE IL DISCORSO SUI TABACCHI (E SULLA CREDIBILITA' DELLE "SEGNALAZIONI")

  • PDF

fumoCi voleva un ex Presidente dell'Antitrust per rovesciare, nei fatti, il recente pronunciamento del TAR del Lazio, a cui si era accodata prontamente e di rinforzo l'AGCM (cfr. "AGCM. Giuste le distanze per i tabaccai: fumare fa male!"), che sembrava ancora una volta aver chiuso a doppia mandata qualsiasi pur vaga possibilità di trovare uno spiraglio nel mercato sigillato dei tabacchi.

RESPINTO IL RICORSO CONTRO ENI PER COMPORTAMENTI ANTISINDACALI. DI VINCENZO: "SORPRESA E RAMMARICO PER LA FEDERAZIONE, MA PER I GESTORI NULLA CAMBIA"

  • PDF

giustizia martellettoIl Tribunale del Lavoro di Roma ha respinto il ricorso presentato all'inizio del 2013 dalla Fegica nei confronti di Eni.

La Fegica aveva sottoposto al Giudice la richiesta di intervenire in ordine ad una serie di comportamenti dell'azienda: in estrema sintesi il ritardo nel rinnovo degli accordi collettivi scaduti e la sostituzione della contrattazione individuale a quella collettiva.

Comportamenti ritenuti essere lesivi dei diritti e dell'interesse della Federazione nella veste che le norme le riservano di rappresentante della categoria dei gestori.

Il Giudice si é riservato 60 giorni di tempo per depositare le motivazioni.

"Siamo sorpresi ed rammaricati per un pronunciamento che ritenevamo, e tuttora riteniamo, potesse considerare gli elementi prodotti e rappresentati in modo del tutto opposto".

Questo il commento a caldo affidato ad un comunicato del Presidente della Fegica, Roberto Di Vincenzo.

"Tuttavia attendiamo di poter prendere visione delle motivazioni per fare ogni ulteriore considerazione nel merito dei singoli quesiti posti oltreché, soprattutto, valutare gli estremi per poter ricorrere in appello".

"In termini generali -prosegue Di Vincenzo- non ce la sentiamo di escludere nemmeno che si paghi in qualche modo un diffuso e strumentalizzato sentimento antisindacale che, comunque sia motivato, non riesce in ogni caso a tenere in alcun conto il pericolo tangibile che con l'attacco alle organizzazioni dei lavoratori si intenda in definitiva colpire il sistema di regole, diritti e tutele che invece, proprio adesso, vanno maggiormente difesi nell'interesse del singolo individuo e ancor di più di quello collettivo".

"Questo esito non modifica la strategia di cui la Fegica si é dotata per recuperare capacità contrattuale alla categoria ed invertire la rotta che l'industria ha da anni imboccato, con esiti disastrosi per l'intero settore".

"Così come non avrà alcuna influenza -conclude il Presidente della Fegica- né sulla nostra determinazione a rivendicare i diritti violati dei singoli gestori, le cui cause contro le compagnie petrolifere, incardinate a decine in tutta Italia, conservano intatte ogni possibilità di successo, come già accaduto nel recente passato, né sulla ferma volontà di contribuire negozialmente a ripristinare un sistema di regole riformate ed equilibrate che riporti l'intero settore a condizioni di sostenibilità e di piena legalità".

FUMATA NERA IN CASA API/IP

  • PDF

fumata neraNessuna proposta seria, né iniziative pronte ad essere assunte per dare prospettiva alla rete di vendita e men che meno ai gestori.

Solo le solite superficiali giustificazioni per comportamenti assunti in palese violazione delle leggi e degli accordi collettivi.

E’ questo il sintetico risultato della riunione tenuta in api/IP il 18 settembre scorso, a distanza di oltre sette mesi dalla precedente.

Un quadro desolante di cui api/IP scarica la colpa (come spesso avviene anche altrove) a qualcun altro, rispetto al quale sarebbe “costretta a difendersi”.

Insomma, tutti si difendono da qualcun altro, ma intanto tutti insieme continuano a sfasciare quel che rimane del “settore” e soprattutto a colpire i Gestori.

AUTOSTRADE. LE PROPOSTE DEI GESTORI CONSEGNATE AL MIT. PRIORITARIO RIPRISTINARE LE CONDIZIONI DI PIENA LEGALITA’.

  • PDF

autostrada 03Buone ultime, le Organizzazioni di categoria dei gestori delle aree di servizio autostradali sono state ascoltate al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in relazione alla definizione di uno specifico progetto di ristrutturazione del segmento e di un Atto di indirizzo che, come previsto dalla legge 214/2011, dovrebbe fissare anche nuovi criteri ai quali vincolare i bandi di gara per l’affidamento dei servizi proprio presso le aree di autostradali.

VERTENZA ENI. DOPO IL 16, ALTRO INCONTRO IL 30. MA NON E' PIU' TEMPO DI STERILI AFFERMAZIONI DI PRINCIPIO

  • PDF

followblindly1Come é noto il 16 settembre scorso si é tenuta una nuova riunione in Eni a cui ne farà seguito un'altra il 30 di questo stesso mese.

Un ritmo di incontri che, in linea con il recente passato, offre l'impressione di una "intensità negoziale" che in realtà, purtroppo, rimane una sterile impressione.

A QUELLI CHE SONO ANDATI. ED AGLI ALTRI DESTINATI A SEGUIRLI.

  • PDF

megalomania"La maggioranza delle persone pensa che una vita felice si fondi sul possesso dei beni esterni, e non del tutto senza ragione, perché vediamo che ad alcuni tutto procede per il meglio, e il successo arride, sebbene siano stolti.

Ma certamente tu hai anche sperimentato dei casi in cui accade il contrario.

VERTENZA ENI. ALTRO "INVITO" AZIENDALE PER SETTEMBRE. LA FEGICA: VUOTA LITURGIA DA RIBALTARE

  • PDF

caneeffettoCome é ormai sterile consuetudine (cfr. l'articolo del 7 luglio scorso), di mese in mese si ripropone l'abituale copione del cortese di Eni alle Organizzazioni categoria per un nuovo incontro.

Così il 1° agosto arriva presso le caselle di posta elettronica di Faib, Fegica e Figisc il seguente messaggio.

ECCO I CONTRATTI DEI GHOST ENI. E INTANTO TUTTO BLOCCATO IN ATTESA DI UN GODOT CHE NON ARRIVERA'. MA E’ SOLO UN TRUCCO PER PROTEGGERE POSIZIONI PERSONALI E SCELTE FALLIMENTARI

  • PDF

gatto volpeChi nasce quadro, non può morire tondo, ammoniva la saggezza dei nostri vecchi.

E, allo stesso modo, si potrebbe dire che chi si abitua per lungo tempo ad assumere alcuni tipi di comportamenti -soprattutto quelli ispirati all'arroganza ed alla prepotenza- finisce poi per non sapere o non riuscire più a distinguere minimamente tra i propri interlocutori a quali dedicare certo modo di atteggiarsi ed a quali altro.

ACCORDI "ONE TO ONE". FEGICA E FIGISC DIFFIDANO TOTALERG AL RISPETTO DELLE LEGGI

  • PDF

totalerg logo 1Il 17 luglio scorso, Fegica e Figisc hanno inviato congiuntamente a TotalErg una comunicazione in cui contestano all'azienda di stare conducendo "una diffusa azione sul territorio nei confronti delle singole gestioni per ottenere l’adesione individuale ad una così definita «azione promozionale straordinaria» in variazione unilaterale delle condizioni economiche esistenti in forza dell’accordo collettivo aziendale, sottoscritto in forza delle leggi speciali di settore".

Tale comunicazione contiene, in conclusione, la diffida formale ad interrompere i comportamenti denunciati come illegittimi, a non dare effetto alle adesioni eventualmente già ottenute dai singoli gestori ed a riaprire immediatamente il tavolo negoziale volto a rinnovare le intese collettive scadute.

ESPLORATORI DEL MARKETING A LAVORO. IP SBARCA SU GROUPON E SCONTA I CARBURANTI DEL 40%. MA ALLORA QUANTO COSTA DAVVERO LA BENZINA?

  • PDF

ip grouponIn questi anni, il settore é stato costretto ad assistere impotente ai grandi sforzi di fantasia prodotti dagli esperti per "promozionare" la vendita dei carburanti.

Sforzi, fantasia ed esperti tutti al servizio di strategie aziendali che avrebbero dovuto adattarsi al futuro presagito, alla direzione che il mercato, il mondo stava prendendo in un modo che qualcuno -ieri come oggi- considerava ineluttabile.

DE JURE. I GIUDICI: GLI ACCORDI DEL 1997 E 1998 SONO VALIDI, VIGENTI ED EFFICACI. ALTRI IMPORTANTI PRONUNCIAMENTI SULLA COMPETENZA TERRITORIALE, LA DURATA DEI CONTRATTI OIL E I CANONI NON-OIL

  • PDF

giustiziaContinua lentamente a sgretolarsi il sistema di granitiche certezze e di fiera esibizione di superiorità sul quale i sopravvalutati consulenti legali -a cui si sono affidate le compagnie petrolifere e, più in generale, i proprietari degli impianti- hanno consentito che le medesime aziende adottassero nel tempo comportamenti tanto più arroganti quanto imprudenti.

Quante volte in questi anni ci siamo sentiti dire che parlare di diritto e più in generale di regole significava utilizzare “argomenti non pertinenti” ai tavoli aziendali?

E quante volte si sono sentite risuonare, più o meno ad alta voce, in occasioni più o meno formali, spesso con atteggiamenti di aperta sfida, affermazioni del tipo “quella legge non si applica” o “quell’accordo non vale”?

VERTENZA ENI. ENNESIMO CAMBIO DI ROTTA DELL'AZIENDA. DOMANI NUOVO INCONTRO. LA POSIZIONE FEGICA.

  • PDF

enilogo2Eni fissa una nuova riunione per il prossimo 8 luglio "per continuare il confronto sui temi relativi alla cosiddetta semplificazione dell’offerta", in una comunicazione nella quale si definisce "proficuo" l'incontro dello scorso 1° luglio.

Di seguito riproduciamo la risposta del Presidente della Fegica Cisl, Roberto Di Vincenzo.

PROGETTO GHOST ENI: I GESTORI FALLISCONO, GLI AGENTI CI GUADAGNANO. "INGIUSTO E INOPPORTUNO" SIA SUFFICIENTE A FERMARSI

  • PDF

erogatore eniMartedì prossimo, 1° luglio, si terrà una nuova riunione tra Eni e le Organizzazioni di categoria dei gestori, a cui l'azienda si é resa disponibile dopo che, per l'ennesima volta, il Viceministro De Vincenti, stavolta direttamente nella sede della recente Assemblea Nazionale di Unione Petrolifera, ha sollecitato la ripresa -e la positiva conclusione- degli "accordi di colore".

Difficile dirsi allo stato meno che scettici sull'esito di questo nuovo incontro, visto l'andamento di un negoziato che sembra stancamente avvitato su sé stesso, mentre per strada -letteralmente- si continua a consumare il dramma di migliaia di persone e di famiglie, conseguenza dell'incapacità dell'azienda di adottare decisioni adeguate.

AGCM. GIUSTE LE DISTANZE PER I TABACCAI: FUMARE FA MALE!

  • PDF

fumo benzina"A seguito del ricevimento del parere motivato dell’Autorità, l’AAMS, con comunicazione pervenuta il 13 maggio 2014, ha illustrato più compiutamente la ratio sottesa alla previsione del requisito della distanza minima che si giustifica quale strumento per rendere più difficoltoso l’approvvigionamento dei prodotti da fumo, nell’ottica di tutelare la salute pubblica coerentemente con i criteri disciplinati alla Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della sanità per la lotta al tabagismo."

Vi viene da ridere?

Fatelo pure, ma non é una battuta.

50 euro

50 europistola 153x145
Li dai al benzinaio. Ma a chi gonfiano le tasche?

Platts

plattssp 153x145
Cosa si nasconde dietro la quotazione internazionale

Mercato

catenefarfalla 153x145
Tante liberalizzazioni nessuna liberalizzazione

Selfizzazione

self1
Mettono il self service e lo chiamano progresso

Pompe bianche

pompa bianca 153x145
Il segreto? Comprano in extrarete e senza esclusiva