Mer12122018

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back NOTIZIE

Notizie

FIRPO (MISE): RAZIONALIZZAZIONE PER DECRETO. I GESTORI CHIEDONO INCONTRO URGENTE A ZANONATO

  • PDF

flavio zanonatoPassato oltre un mese di "silenzio" dall'approvazione nel Consiglio dei Ministri del 13 dicembre scorso del disegno di legge contenente, tra le numerose e variegate disposizioni, anche le norme per la razionalizzazione della rete carburanti, il tema si ripropone con l'ennesimo ripensamento, a testimonianza di una confusione che, già di per sé, autorizza le peggiori preoccupazioni.

Le dichiarazioni del capo della segreteria tecnica del Ministro Zanonato, Stefano Firpo, riprese da un articolo pubblicato su Il Sole 24 ore di ieri, annunciano l'intenzione del Governo di stralciare alcuni articoli, tra i quali anche quello in questione, perché vengano inseriti nel decreto legge cosiddetto "destinazione Italia".

CIPREG: OLTRE 3,35% IL RENDIMENTO PER IL 2013

  • PDF

cipreg02

Il pool delle compagnie assicuratrici incaricate di investire gli accantonamenti di fine gestione per i gestori iscritti al Cipreg ha comunicato che il rendimento per l'anno 2013 dei versamenti è stato di oltre il 3,35% medio.

Come é sempre avvenuto in passato, anche quest'anno la gestione del Cipreg ha assicurato ai gestori aderenti un rendimento significativamente superiore a quello garantito dai BOT a 12 mesi, vale a dire l'interesse riconosciuto ai gestori non iscritti al Cipreg che lasciano presso le compagnie petrolifere i loro accantonamenti.

La rilevazione ufficiale effettuata dal Ministero dell'economia fissa per l'anno passato un rendimento dei BOT a 12 mesi inferiore al punto percentuale.

Di seguito pubblichiamo la tabella dei rendimenti ottenuti dal 1996 in avanti.

CIPREG: OLTRE 3,14% IL RENDIMENTO PER IL 2014

  • PDF

cipreg02

Il pool delle compagnie assicuratrici incaricate di investire gli accantonamenti di fine gestione per i gestori iscritti al Cipreg ha comunicato che il rendimento per l'anno 2014 dei versamenti è stato di oltre il 3,14% medio.

Come é sempre avvenuto in passato, anche quest'anno la gestione del Cipreg ha assicurato ai gestori aderenti un rendimento significativamente superiore a quello garantito dai BOT a 12 mesi (ma anche dei BTP a 10 anni, tanto per fare solo un altro esempio), vale a dire l'interesse riconosciuto ai gestori non iscritti al Cipreg che lasciano presso le compagnie petrolifere i loro accantonamenti.

La rilevazione ufficiale effettuata dal Ministero dell'economia fissa per l'anno passato un rendimento medio ponderato dei BOT a 12 mesi pari allo 0, 48%.

Di seguito pubblichiamo la tabella dei rendimenti ottenuti dal 1996 in avanti.

RETISTI E GESTORI ALL'AGCM: RILIEVI SU CONTRATTO DI COMMISSIONE INFONDATI

  • PDF

pensieroso"Non riteniamo condivisibili le preoccupazioni esposte dall'Autorità in ordine all'assetto concorrenziale derivante dall'art.19 del contratto che abbiamo stipulato ed invitiamo pertanto l'Autorità stessa a riconsiderare le sue valutazioni."

E' con queste parole che si conclude la comunicazione congiunta di Assopetroli, Grandi Reti, Faib, Fegica e Figisc in risposta ai rilievi formulati dall'Antitrust e affidati ad una comunicazione del 18 dicembre scorso, in relazione al modello di Contratto di Commissione oggetto dell'Accordo del 8.10.2013 tra le Associazioni di categoria dei retisti indipendenti e dei gestori.

Assemblea dei Gestori a Barletta

  • PDF

Questa sera alle ore 20.00 in Piazza Castello a Barletta (BA), presso l'impianto di distribuzione carburanti Esso la FEGICA Puglia e Basilicata hanno indetto un'assemblea di Gestori.

Le finalità dell'incontro saranno il controllo della regolarità urbanistica e il progetto Ipercoop, successivamente all'incontro verrà richiesto l'accesso agli atti. Alla assemblea saranno presenti il Segretario Nazionale Fegica Cisl Domenico Guastamacchia ed il Sig. Pietro Forcella di Fegica Foggia che porterà la sua esperienza e dimostrerà le iniziative assunte dalla Federazione e dai gestori per riportare a condizioni di sostenibilità le attività dei gestori di Foggia, minacciate dalla stessa industria petrolifera che fornisce gli impianti della GDO.