Mer24102018

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back NOTIZIE

NOTIZIE

BRAVA ENERCOOP! MA A CHI ALTRO DIRE GRAZIE?

  • PDF

applausi snoopyenercoopAll'inizio dello scorso agosto, accompagnato -diciamo così- da un'ottima critica, é stato inaugurato a San Benedetto del Tronto il nono impianto della rete distributiva di EnerCoop.

Ad onor del vero, il "premio della critica" era motivato da prezzi dei carburanti inequivocabilmente vantaggiosi per gli automobilisti.

Il 7 agosto, il nuovo impianto vendeva il gasolio a 1,520 e la benzina a 1,620: almeno 15 centesimi in meno dei concorrenti in zona.

ENI "CONVOCA" I SINDACATI (PESANDO LE PAROLE)

  • PDF

lettera minatoriaCon buone probabilità, tra il 17 ed il 18 settembre prossimi, si terrà un nuovo incontro tra le Organizzazioni di categoria dei Gestori e la Divisione operativa di Eni.

La scorsa settimana, infatti, l'azienda ha fatto giungere ai Presidenti di Faib, Fegica e Figisc una comunicazione datata 4.9.13 contenente l'invito ad un incontro finalizzato a "riavviare la discussione sulle tematiche inerenti alle modalità di approccio ai temi economici e gestionali, al rinnovo di un accordo sui cali ed alle fidejussioni a copertura delle forniture di prodotto".

HISTORIA MAGISTRA VITAE: LA STRATEGIA CONTRO LA FORZA

  • PDF

Alla fine della Prima Guerra Punica i Romani, fortunosamente vincitori nelle battaglie navali fra le isole Eolie e Milazzo, occuparono tutta la Sicilia (ma anche Sardegna e Corsica) ed imposero ai Cartaginesi pesanti tributi.

La conquista di alcune colonie in Spagna e di molti territori consentì a Cartagine di continuare a pagare i debiti contrati con Roma.

Cartagine, però, aveva l'obbligo di non superare il fiume Ebro che segnalava il limite di demarcazione invalicabile contenuto nell’accordo di pace con Roma.

Morto Amilcare, Asdrubale (genero di Amilcare), consolidò la presenza cartaginese in Spagna: presenza che venne ampliata dal giovane Annibale cui l’esercito affidò la guida dopo l’uccisione di Asdrubale.

Annibale, incurante degli impegni assunti da Cartagine, espugnò invece la città di Sagunto, legata ai Romani da un trattato militare, e passò il confine del fiume Ebro.

Dopo la capitolazione e la distruzione di Sagunto i Romani, in torto per non aver offerto alla città alleata l’appoggio previsto dal trattato militare, chiesero a Cartagine di pagare nuovi danni di guerra e, soprattutto, di consegnare a Roma il generale Annibale che si era macchiato della violazione del trattato sottoscritto fra Roma e Cartagine stessa alla fine della Prima Guerra Punica.

la bataille de zamaIl rifiuto di accettare le condizioni romane provocò l’inizio della Seconda Guerra Punica che, questa volta, non si combattè -come la prima- per mare ma per terra ed in Italia.

Annibale sbaragliò ogni resistenza forte del suo esercito e, soprattutto, dell’uso bellico degli oltre 200 elefanti che vennero impiegati in battaglia.

FEGICA VS ENI: PRIMI PRELIMINARI PUNTI FERMI FISSATI DAL TRIBUNALE. A FEBBRAIO IL VIA AL DIBATTIMENTO

  • PDF

martelletto giustiziaNel procedimento che la Fegica ha proposto nei confronti di Eni -primo atto dell'iniziativa "Class Action. Giustizia per i Gestori"- il Tribunale di Roma ha cominciato a determinare i primi elementi di chiarezza, per niente scontati all'avvio di una vicenda giudiziaria dai contenuti particolarmente complessi e con scarsi e spesso contraddittori precedenti nella materia specifica.

IMPUGNATO AL TAR IL DECRETO "SALVA PREZZI CIVETTA"

  • PDF

prezziariE' stato impugnato venerdì scorso, presso il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, attraverso un ricorso presentato da Faib, Fegica e Figisc contro il Ministero dello sviluppo economico che ne chiede l'annullamento, il Decreto Ministeriale del 17 gennaio 2013, n.67383, recante “modalità attuative delle disposizioni in materia di pubblicità dei prezzi praticati dai distributori di carburanti per autotrazione", vale a dire il Decreto recentemente entrato in vigore sulla "cartellonistica" dei prezzi.

L'annullamento -corredato, in via cautelare, della richiesta di sospensiva- viene sollecitato per eccesso di potere, violazione dei principi di ragionevolezza, proporzionalità ed adeguatezza, nonché per illogicità ed ingiustizia manifesta.

LA VOGLIA DI GODERSI LO SPETTACOLO DEI CRISTIANI NELL’ARENA

  • PDF

giraffedi Alessandro Zavalloni

Ci risiamo.

La tentazione impellente di offrire ad un mondo ritenuto largamente distratto e inconsapevole, quale sia la (giusta) rotta per il Progresso, la Modernità e lo Sviluppo -in una parola, l’Evoluzione- riemerge periodicamente così forte da non poter essere contenuta da un minimo di riflessione più paziente ed attenta.

Capita, quindi, che la recente comunicazione congiunta delle Organizzazioni di categoria dei Gestori indirizzata al neo Ministro Zanonato solleciti incontenibile la riprovazione di attenti osservatori.

Secondo questi, infatti, nella comunicazione di Faib, Fegica e Figisc si nasconde -nemmeno tanto velatamente- “il desiderio di una Santa Alleanza per mantenere in piedi il vecchio sistema distributivo”, una “fuga in avanti” rispetto agli “alleati”, la voglia di “mantenere in vita le inefficienze”, la pretesa di tornare al “tempo in cui compagnie, retisti e gestori si potevano limitare a spartirsi una torta che era abbondante”, il tentativo di mettersi “al riparo dalla concorrenza”, il capriccio di non far “emergere i migliori” e di impedire che siano “esclusi i meno adatti”.

LA LEZIONE DI SHELL

  • PDF

conchigliadi Roberto Di Vincenzo *

Quanto sta accadendo con Shell è un fatto grave e molto più che preoccupante.

E sarebbe sbagliato considerarlo un fulmine a ciel sereno o la conseguenza, spiacevole ma inevitabile, della crisi generalizzata di questi anni.

La crisi, semmai, coglie la distribuzione carburanti e più in generale il petrolio (ma discorso simile potrebbe essere fatto sull’energia) in una situazione di degrado tale da risultare ragionevolmente assai arduo recuperare.

ENI DISDETTA L'ACCORDO SUI CALI. I GESTORI: INIZIATIVA GRAVE E STRUMENTALE

  • PDF

enilogo2Con una comunicazione datata 13 marzo, Eni R&M ha informato Faib, Fegica e Figisc della propria decisione di dare formale disdetta dell'Accordo del 14.11.2005 relativo ai cali carburanti, a far data dal 1° luglio prossimo.

La decisione -precisa Eni- "é maturata a seguito delle numerose verifiche effettuate, che hanno evidenziato come solo una parte dei cali denunciati dai gestori sia attribuibile a fenomeni termici".

Perciò -secondo l'azienda- "l'accordo sindacale si é rivelato inadeguato".

A stretto giro di posta, la risposta congiunta delle Organizzazioni dei gestori che hanno stigmatizzato l'iniziativa di Eni come "atto estremamente grave -primo e unico non solo nelle specifiche relazioni tra Azienda ed Organizzazioni di categoria ma persino in tutto il settore- che purtroppo conferma l'approccio aziendale tenuto in questi anni, improntato alle iniziative unilaterali e a far trovare la controparte sistematicamente di fronte al fatto compiuto, sempre più spesso in aperto contrasto con gli Accordi sottoscritti in applicazione delle legge speciali che regolano il settore".

STAFFETTA AL NUOVO PRESIDENTE UP: BASTA ARROGANZA CON I GESTORI

  • PDF

staffetta quotidiana 02Con un commento del suo Direttore Emerito, Giorgio Carlevaro, pubblicato on line questa mattina con il titolo "UP, una scelta difficile", Staffetta Quotidiana torna sulla questione dell'ormai prossimo rinnovo delle cariche dell'Unione Petrolifera.

Nel ricostruire i termini della vicenda anche alla luce dei rivolgimenti e dello "tsunami che ha investito la politica italiana" con le recenti elezioni politiche, Carlevaro prova intanto a suggerire un diverso approccio alla "base" dell'associazione degli industriali e quindi al prossimo Presidente dell'Unione, sembrando riecheggiare, per certi versi, alcuni temi già contenuti nell'intervista a Roberto Di Vincenzo, pubblicata proprio da Staffetta una decina di giorni fa.

50 euro

50 europistola 153x145
Li dai al benzinaio. Ma a chi gonfiano le tasche?

Platts

plattssp 153x145
Cosa si nasconde dietro la quotazione internazionale

Mercato

catenefarfalla 153x145
Tante liberalizzazioni nessuna liberalizzazione

Selfizzazione

self1
Mettono il self service e lo chiamano progresso

Pompe bianche

pompa bianca 153x145
Il segreto? Comprano in extrarete e senza esclusiva